Il Papa Buono

Angelo Roncalli nacque in un piccolo borgo del bergamasco, il 25 novembre 1881. La sua famiglia era molto umile ed onesta. Ordinato sacerdote celebrò la sua prima messa nella chiesa del suo paesino, il 15 agosto 1915, nella festa dell’Assunta. Nella diocesi di Bergamo prestò per quindici anni servizio come segretario del vescovo e come insegnante al seminario. Allo scoppio della prima guerra mondiale fu chiamato alle armi come cappellano militare. Nel 1921 Angelo Roncalli fu inviato in Bulgaria e in Turchia come visitatore apostolico. Nominato Nunzio apostolico a Parigi nel 1944, diventò Patriarca di Venezia nel 1953. Il 28 ottobre 1958 fu eletto, con gran sorpresa di tanti, successore di Pio XII. Il “papa contadino”, come lo definirono allora alcuni giornalisti per via delle sue origini familiari molto umili, diede ben presto prova della sua capacità nel guidare la chiesa a dispetto del pensiero di tanti che alla sua nomina lo consideravano un “vecchietto” e un “papa di transizione”. Prese il nome di Giovanni XXIII e la sua missione fu sin dall’inizio molto chiara e incisiva. Papa Giovanni era innamorato di Maria madre di Gesù e durante il suo pontificato pubblicò su “L’Osservatore Romano” un suo piccolo saggio di devoti pensieri per ogni decina del Santo Rosario. Attento ai segni dei tempi, Papa Giovanni promosse l’ecumenismo e la pace. Il Papa “Buono” che amava il dialogo e promuoveva la carità evangelica fece sentire anche ai più lontani l’Amicizia e l’Amore di Gesù. Fu un Papa che sapeva trasmettere a tutti l’affetto paterno; un giorno disse ai fedeli: “Arrivati nelle vostre case date una carezza ai vostri figli e dite che quella carezza ve la manda il papa”. Fu il primo papa a visitare i carcerati reclusi nel carcere romano con la commozione di tutti. Avviò il Concilio Vaticano II, un evento epocale nella storia della Chiesa. Scrisse due encicliche: Mater et Magistra nel 1961 e Pacem in Terris nel 1963 dedicata non solo ai cattolici, ma a tutti “gli uomini di buona volontà”. Morì il 3 giugno 1963. Il suo fu un breve ma intenso pontificato in cui egli riuscì in meno di cinque anni a farsi amare dal mondo intero. È stato beatificato il 3 settembre del 2000.