Martire per la legalità

Giuseppe nacque a Palermo nel quartiere Brancaccio il 15 settembre 1973. Suo padre era un onesto calzolaio mentre sua madre era un’abile sarta. Entrò in seminario nel 1953 e venne ordinato sacerdote, dal cardinale Ernesto Ruffini, il 2 luglio 1960. Venne nominato viceparroco della parrocchia S.S. Salvatore e poi rettore della chiesa di San Giovanni dei Lebbrosi. Nel 1963 è nominato cappellano presso l’istituto per orfani “Roosevelt” e vicario presso la parrocchia Maria SS. ma Assunta. Durante questi incarichi fu attento ai problemi dei giovani e si interessò delle problematiche sociali dei quartieri più emarginati della città. Seguì con attenzione i lavori del Concilio Vaticano II e ne diffuse subito i documenti tra i fedeli con speciale riguardo al rinnovamento della liturgia, al ruolo dei laici, ai valori dell’ecumenismo. Il primo ottobre 1970 venne nominato parroco di Godrano, un piccolo paese in provincia di Palermo dove rimane fino al 31 luglio 1978, riuscendo a riconciliare le famiglie coinvolte in una faida. Il 9 agosto 1978 è nominato pro-rettore del seminario minore di Palermo e il 24 novembre dell’anno seguente direttore del Centro diocesano vocazioni. Nel 1983 divenne responsabile del Centro Regionale Vocazioni e membro del Consiglio Nazionale. Dal marzo del 1990 svolse il suo ministero sacerdotale anche presso la “Casa Madonna dell’Accoglienza” opera pia in favore di ragazze-madri in difficoltà. Il 29 settembre 1990 venne nominato parroco a San Gaetano, a Brancaccio e il 29 gennaio 1993 inaugurò il centro “Padre Nostro”, che diventò il punto di riferimento per i giovani e le famiglie del quartiere. La sua attenzione si rivolse al recupero degli adolescenti già reclutati dalla criminalità mafiosa, riaffermando nel quartiere una cultura della legalità illuminata dalla fede. Don Pino Puglisi venne ucciso dalla mafia il 15 settembre 1993, giorno del suo 56° compleanno. Il 15 settembre 1999 il Cardinale Salvatore De Giorgi ha insediato il Tribunale Ecclesiastico Diocesano per il riconoscimento del martirio.