Lo Zelo missionario per la salvezza delle anime più abbandonate

Nacque a Napoli il 27 settembre 1696 da genitori di nobile casato. Oltre agli studi letterari Alfonso s’impegnò anche negli studi di pittura e musica; sua è la famosa canzone natalizia “Tu scendi dalle stelle”. Nel 1708 s’iscrisse alla facoltà di giurisprudenza dove si laureò col massimo dei voti, ma dopo dieci anni di promettente carriera, Alfonso, decise di farsi sacerdote. Dopo l’ordinazione sacerdotale, che avvenne il 21 dicembre 1726, Alfonso dedicò quasi tutto il suo tempo e il suo ministero agli abitanti dei quartieri più poveri di Napoli. Inoltre, compì la sua missione di confessore e predicatore in Puglia e in Calabria anche nelle contrade di campagna dove il clero locale rifiutava di andare. Alfonso fu autore di più di un centinaio d’opere, alcune delle quali tradotte e divulgate in tanti paesi del mondo. Alfonso diede vita ai missionari redentoristi per favorire la predicazione della divina parola e prendersi carico delle anime più abbandonate. Questa congregazione del S.S. Redentore, fondata il 9 novembre 1732, è presente in oltre 60 paesi dei cinque continenti. Nel 1762 Alfonso fu eletto vescovo di Sant’Agata dei Goti (Benevento). Morì il 1 agosto del 1787. Fu proclamato santo nel 1839 e fu dichiarato dottore della Chiesa nel 1871 e patrono dei confessori e dei moralisti nel 1950.